DOVE ANDARE A CACCIA IN CAMPANIA: Consigli Pratici!

dove andare a caccia in campania
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dove andare a caccia in Campania? Scopri tutte le informazioni e le novità su questa splendida meta venatoria.

La Campania è senza ombra di dubbio una regione ricca di paesaggi naturali e specie cacciabili che ci regaleranno grandi emozioni in ambito venatorio.

Essendo un territorio che possiede quasi tutti gli scenari paesaggistici italiani presenterà una grande varietà di fauna.

Conoscerne la morfologia e le caratteristiche  delle varie zone ci permetterà quindi di capire meglio dove andare a caccia in Campania.

Approfondiamo meglio.

La Campania ha una territorio di 13’670 Km² di cui il 50,8% è collinare, il 34,6% è montuoso e il 14,6% è pianeggiante.

 Di questo territorio 987 mila ettari sono considerati Superficie Agro Silvo Pastorale (circa il 72% del totale) di cui 574 mila ettari (circa il 58%) sono considerati Superficie a Gestione programmata della Caccia, suddivisa in 6 Ambiti Territoriali di Caccia (ATC).

Rilievi e colline

Sicuramente abbondanti di vegetazione e selvatici i rilievi e le colline della Campania regaleranno paesaggi stupendi a chi vorrà cacciarvi.

I rilievi maggiori si possono trovare principalmente nella dorsale degli appennini centrale che scorre da nord-ovest a sud-est comprendendo diversi massicci.

Qui troveremo massicci come il Matese, i monti Trebulani, il Taburno, lAvella, il Tuoro, il Terminio, il Cervialto, l’Alburno e il Cervati.

Nella zona più a sud invece troviamo diversi altopiani tra cui il Montecalvo, il Savignano e l’Ariano irpino.

In questa regione emergono anche dei massicci di origine vulcanica come la Somma-Vesuvio, i Campi Flegrei e la Roccamonfina.

In queste zone troveremo selvatici come le lepri, i fagiani, i cinghiali, il coniglio selvatico, i cerbiatti, i daini, le beccacce e i beccaccini.

Pianure

La regione della Campania non presenta pianure particolarmente vaste, tant’è che di tutta la regione solo un quinto del territorio è pianeggiante.

Nonostante non occupi molto territorio la pianura campana è considerata molto fertile ed è infatti molto popolosa.

Le principali si trovano nella zona del casertnano e lungo la costiera cilentana.

Qua oltre a specie come il coniglio selvatico, la lepre o la beccaccia potremmo trovare anche il cervo.

Coste e isole

Le coste campane hanno una lunghezza che arriva ai 500 km comprendendo anche le isole del Golfo di Napoli.

L’arcipelago invece è composto da tre isole principali (Ischia, Capri e Procida) e due di dimensioni minori (Vivara e Nisida).

L’isola di capri, situata nel golfo di napoli, è conosciuta in tutto il mondo per la sua bellezza sin dai tempi dell’antica Grecia.

Ha una morfologia piuttosto particolare e complessa: passa da cime di media altezza come il Monte Solaro 589 m e il Monte Tiberio 334 m, a vasti altipiani interni come quello di Anacapri.

Vivara, invece, è un’isola sicuramente ricca di fauna e flora che regalerà sfondi che lasceranno a bocca aperta.

Appartiene al gruppo delle Isole Flegree ed è disabitata da molto tempo.

Ora è una riserva naturale statale parte del Parco Regionale dei Campi Flegrei mentre il suo litorale fa parte dell’Area Naturale Marina Protetta Regno di Nettuno.  

Idromorfologia

I laghi della Campania sono diversi ma quasi tutti, ad eccezioni di qualcuno, di piccole dimensioni. 

I più importanti sono:

  • nell’area dell’avellinese il lago di Conza, il Lago Laceno e il Lago San Pietro
  • nell’area del casertano i laghi di lago Falciano e Matese 
  • nell’area del napoletano il lago d’Averno (di origine vulcanica), il lago Lucrino, il lago Fusaro, il lago Miseno e il lago Patria nel napoletano
  • nell’area del beneventano il lago di Telese.

Per quanto riguarda i fiumi la Campania è solcata da pochi corsi d’acqua spesso fatti di corsi tortuosi e ripide gole che si fanno strada tra i massicci della regione.

Il fiume più importante e lungo (misura circa 170km), sia della regione che dell’italia meridionale, è il Volturno.

Aree naturali protette

Il 25% dell’intera superficie regionale della Campania è occupato da aree naturali protette.

Si trovano principalmente nelle zone montane o collinari salvo in rare eccezioni come nella valle del Sele e del Volturno.

I due parchi naturali principali sono il Parco Nazionale del Vesuvio e il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

In Campania si trovano anche altre aree protette di minor importanza ma con paesaggi mozzafiato come il Parco Regionale dei Monti Picentini o quello del Partenio.

Per quanto riguarda le riserve naturali invece si distinguono la Riserva Naturale Cratere degli Astroni e la Riserva Naturale Castelvolturno.

Sono presenti anche oasi naturali come quella del Monte Polveracchio, quella del Bosco Camerine e quella della Valle della Caccia.

Associazioni Faunistiche Venatorie

Dove andare a caccia in Campania: l’unica associazione faunistica venatoria presente sul territorio campano è Chiuvitta.

“Chiuvitta, località San Pietro Infine, da sempre luogo ove la caccia e la storia si intrecciano finanche con la presenza venatoria dei Re.”

Oggi è una associazione faunistico venatoria che gestisce un importante territorio, meta di molti cacciatori provenienti da tutte le parti d’Italia. 

Qui si pratica un’attività venatoria sobria rispettosa dell’ambiente e delle specie del territorio.

L’area appartenente alla riserva inizia ai piedi del monte Sammucro e si espande tra zone pianeggianti molto suggestive e zone boschive ben curate appossitamente per finalità venatorie.

Il territorio dell’Associazione è così ammirato e apprezzato che perfino i re borbonici ci cacciavano.

A prova di questo apprezzamento smisurato nell’area si può trovare un epigrafe sul portale dell’Antica Taverna di San Cataldo che dice: “In questa Taverna, nell’anno 1824, vi soggiornò Francesco I° Re delle Due Sicilie, che rimase estasiato ed incantato da una battuta di caccia organizzata a San Pietro Infine”

Nella riserva di Chiuvitta si possono trovare una grande popolazione di starne e fagiani.

Qui si può anche effettuare la caccia alla selvaggina migratoria basandosi ovviamente sul calendario venatorio della campania.

A Chiuvitta si può cacciare con i seguenti permessi: 

  • Permessi giornalieri;
  • Permessi settimanali;
  • Permessi mensili;
  • Permessi annuali;
  • Permessi per la stagione venatoria.

La riserva nei primi giorni della stagione venatoria metterà a disposizione un accompagnatore che mostrerà la riserva con la possibilità di portare anche i cani.

dove andare a caccia in Campania

Novità sulla caccia in Campania

Qui di seguito cito alcune novità riguardanti l’attività venatoria in Campania:

  • “Lo scorso 30 giugno la Giunta regionale della Campania ha approvato il calendario venatorio per la stagione di caccia 2020/2021. Le novità principali rispetto alla passata stagione sono il divieto di caccia a Pavoncella e Moriglione (come richiesto dal Ministero dell’Ambiente) e la reintroduzione del Colombaccio fra le specie cacciabili in preapertura. Proprio per consentire la preapertura e il posticipo della chiusura al 10 febbraio, l’inizio del periodo di caccia al Colombaccio è stato posticipato al 10 di ottobre. “
  • “Resta la limitazione a una solo giornata per la caccia alla Tortora selvatica in preapertura, così come resta fissato al 1° di ottobre l’inizio generale della stagione venatoria per la maggior parte delle specie. Di seguito il calendario in dettaglio.”

Calendario venatorio della Campania:

  • Quaglia dal 20 settembre al 31 ottobre
  • Tortora dal 20 settembre al 31 ottobre (dal 20 settembre al 1° ottobre solo da appostamento fisso)
  • Merlo dal 20 settembre al 30 dicembre
  • Fagiano dal 20 settembre al 30 gennaio (dal 30 novembre solo in presenza di piani di prelievo)
  • Starna e Coniglio selvatico dal 1° ottobre al 30 novembre (esclusivamente in presenza di piani di prelievo)
  • Lepre e Allodola dal 1° ottobre al 30 dicembre
  • Beccaccia, Beccaccino e Frullino dal 1 ottobre al 20 gennaio
  • Alzavola, Marzaiola, Canapiglia, Codone, Fischione, Germano reale, Mestolone, Folaga, Gallinella d’acqua, Porciglione dal 1° ottobre al 30 gennaio
  • Volpe dal 1° ottobre al 31 gennaio
  • Cesena, Tordo bottaccio e Tordo sassello dal 1° ottobre al 30 gennaio
  • Cornacchia grigia, Cornacchia nera, Ghiandaia e Gazza dal 10 ottobre al 10 febbraio (nel periodo dal 20 gennaio al 10 febbraio esclusivamente da appostamento)
  • Colombaccio dal 10 ottobre al 10 febbraio (dal 2 gennaio al 10 febbraio esclusivamente nella forma di caccia da appostamento con carniere giornaliero massimo di 5 capi)

Se vuoi scoprire tutto su dove andare a caccia in Campania ed entrare nella più grande community europea di cacciatori, scarica Wild Society App!

A presto,
WS Team

Altro dal blog

Torna su