Come Maneggiare un Luccio dopo una Cattura!

COME MANEGGIARE UN LUCCIO DOPO UNA CATTURA
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Come maneggiare un luccio dopo una cattura: famoso pesce d’acqua dolce rinomato per la sua bocca a becco d’anatra ed i suoi denti molto robusti ed acuminati.

Ha un muso allungato, può raggiungere 1,40 metri di lunghezza ed arrivare a pesare più di 20 chili.

Varia di colorazione in base agli habitat in cui vive, anche la forma corporale è influenzata dall’habitat infatti le correnti dei fiumi lo rendono più allungato e schiacciato, al contrario in acque calme rimane più tozzo.

Essendo un predatore si nutre di altri pesci, caccia restando immobile ed aspettando che la prede si avvicini, in assenza di essa però non disdegna rane, uccelli acquatici, altri piccoli mammiferi e persino il cannibalismo.

Viene considerato come uno dei pesci d’acqua dolce più importanti infatti oltre ad essere soprannominato come il re dei predatori d’acqua dolce viene anche considerato come un prezioso pacificatore naturale.

Dove si Trova il Luccio

Il luccio vive sia tra le acque correnti dei fiumi o dei canali, ma anche in quelle più calme e stagnanti e conduce una vita prevalentemente solitaria nascosto tra la vegetazione.

Può vivere sia in acque correnti che in acque stagnanti con fondo ghiaioso ma ricco di erbe per la sua ottima capacità di adattamento.

Questo pesce infatti è davvero molto diffuso infatti lo possiamo trovare in diversi continenti tra cui il nostro.

Si può trovare nel continente nordamericano ed in tutti i banchi fluviali dell atlantico e pacifico, presente dalla Francia alla Siberia compresa l’Italia.

E’ anche presente in Inghilterra ed Irlanda dove vivono in grosso numero.

Come Maneggiare il Luccio Dopo una Cattura

Il Luccio si pesca a Spinning oppure con il vivo o l’esca morta, sia in fondo che con il galleggiante.

Nella pesca è indispensabile un terminale in acciaio, titanio o fluorocarbon di generose dimensioni (da 0,80 mm in su), perché il pesce con i denti potrebbe tranciare il filo e non è raro che, soprattutto se di grandi dimensioni, ingoi tutta l’esca.

Bisogna porre davvero molta attenzione quando lo si salpa per via dei suoi denti affilati, è consigliato l’uso di guanti, del guadino e della presa opercolare.

E’ una presa completamente indolore per il pesce ma essenziale per la propria sicurezza.

È inoltre importante non sorreggere il pesce in verticale per non creare lesioni spinali che ne potrebbero compromettere la sopravvivenza.

Prima del rilascio è opportuno effettuare la riossigenazione del pesce.

COME MANEGGIARE UN LUCCIO DOPO UNA CATTURA

I Passi per Maneggiare un Luccio Dopo una Cattura

Qui di seguito ti elencherò le fasi esatte che per maneggiare un luccio in tutta sicurezza.

Step1

Il primo step per maneggiare il luccio dopo la cattura è appoggiarlo su un materassino umido o un tappetino.

Questo infatti è essenziale per la salvaguardia del pesce, se non si dispone di un tappetino da inumidire anticipatamente, posiziona il luccio su una superficie piatta e sicura vicina.

Per i lucci particolarmente grandi utilizzare una superficie di asppoggio larga e lunga così da lasciare spazio e permettere al pesce di sdraiarsi.

Step2

Il secondo step per maneggiare il luccio una volta catturato è quello di infilare le dita tra le branchie e la mascella.

Quando si catturano altre tipologie di pesci è importante tenerli in verticale per il loro apparato boccale, in questo caso è fortemente sconsigliato infatti i lucci possono avere denti anche nelle branchie.

Per una corretta presa inserite le dita nel lembo della branchia e posizionate 3 o 4 punte delle dita nella cavità tra le branchie e la mascella.

Solo nel caso in cui avete un’ottima visuale e capite che lo spazio è privo di denti potete usare tutta la mano per tenere fermo il pesce.

E’ importante anche vedere la direzione della testa del luccio infatti se pende verso sinistra bisogna posizionare la mano sinistra tra le branchie e la mascella, viceversa se punta verso destra.

Il lembo della branchia si trova appena sotto la bocca del pesce.

Step3

Il terzo step per maneggiare con attenzione il luccio appena catturato consiste nello stringere la punta delle dita verso di te così da avere il pieno controllo della mascella del pesce.

Bisogna infatti piegare la punta delle dita sulla mano che si trova nel lembo della branchia il più vicino possibile al palmo della mano.

Questo ti dà una salda presa sulla mascella del luccio e ti permette di trasportarlo in sicurezza.

Con la mano libera invece è importante impedire al pesce di muoversi troppo per la sicurezza di entrambi.

Un’accortezza che non tutti conoscono è quella di evitare assolutamente di mettere le dita interne vicino alle zone branchiali dove potrebbero esserci dei denti.

L’ultima cosa da fare per maneggiare il luccio appena catturato consiste nel tenere la pancia durante le foto oppure rimetterlo con cautela in acqua.

Posizionare una mano sotto alla pancia del pesce è particolarmente importante per avere una presa sicura e per sostenere i suoi organi.

Evita di tenere il pesce in verticale per non dare una pressione inutile sui suoi organi, usa invece la mano libera per sostenere la pancia.

Ricordati sempre di consultare il calendario ittico prima di una battura di pesca!

Ora che sai tutto su come maneggiare un luccio dopo una cattura puoi scoprire molto altro qui su WildSocietyApp!

Altro dal blog

Torna su